Loc Viaggio in Georgia Alb

Venerdì 13 aprile 2018 alle ore 17.00, presso la Biblioteca Civica “Simonetta Comanedi” in Via Roma 58 ad Albenga (SV), si terrà la presentazione del libro di Paolo Vettori dal titolo “Viaggio in Georgia tra memoria e futuro”, edito da Edizioni Helicon

Qui a fianco la locandina di invito all’incontro con l'autore.

Con questo libro continua il “viaggio” di Paolo Vettori nei territori dell’ex impero sovietico, un lungo cammino che lo ha già visto sugli itinerari dell’Armenia e Nagorno-Karabakh, poi sul confine russo-polacco, tra Danzica e Kaliningrad, fino a giungere alla Moscova.

Quello che l’autore descrive è un doppio viaggio nelle sue “città visibili”, dove la terra georgiana parla sulle origini, sui cambiamenti e soprattutto sulle attuali percezioni dell’odierna umanità di questi luoghi.

Anche da queste prime pagine traspare la caratteristica fondamentale dell’autore, ovvero la certosina descrizione di personaggi e luoghi e la zelante curiosità di uno studioso profondamente affascinato dalla cultura, dalle tradizioni e dalle vicissitudini storiche dei popoli dell'Est europeo.

Paolo Vettori si avventura questa volta in Georgia attraverso Mosca, entrando immediatamente nel vivo della questione più delicata, e cioè il difficile rapporto con il potente vicino, “Madre” Russia, dalla cui ingombrante “protezione” questo piccolo Paese, stretto tra le montagne del Caucaso e il Mar Nero, è riuscito ad affrancarsi solo nel 2003, grazie a quella che è passata alla storia come “la rivoluzione delle rose”, pagando però, a distanza di appena 5 anni, un prezzo pesante, con l’intervento armato russo dell’agosto 2008 nell’Ossezia del Sud.

Un viaggio, il suo, per mondi non del tutto “turistici”, proponendosi di rilevare e raccontare i dettagli della Storia di quei luoghi, al fine di svelare un mondo, non sempre ostico e inaccettabile, così abbiamo appreso sui banchi di scuola

L'ingresso è libero e sarà presente l'autore, che dialogherà con Carmen Spigno, presidente del Circolo Artistico-Culturale Amici nell'Arte noprofit.

Loc Viaggio in Georgia BS

Invito all’incontro con Paolo Vettori, autore  libro “Viaggio in Georgia tra memoria e futuro”, edito da Edizioni Helicon, presso “39Vantini Oldstyle” in Via Rodolfo Vantini 39 a Brescia, mercoledì 6 dicembre 2017 alle ore 18.15.

Un doppio viaggio nelle città visibili di Vettori dove la terra georgiana parla sulle origini, sui cambiamenti e soprattutto sulle attuali percezioni dell’odierna umanità di questi luoghi.

Dialogherà con l’autore Angelo Piovanelli, presidente di Libertà @ Progresso.

L'ingresso è libero e sarà presente l'autore.

Volantino Poppi

Mercoledì 26 luglio 2017, alle ore 18.00, presso Palazzo Giorgi, a Poppi (AR), in via Cesare Battisti 25, si è tenuta la conferenza “Viaggi ai confini dell’Europa... e ritorno”, relativa all’ultima “trasferta” in terra ex-Sovietica del dott. Paolo Vettori.

L’argomento della conferenza ha riguardato fondamentalmente i viaggi di Carla Lavore, che ha parlato del suo viaggio nel mar Bianco, all'estremo nord della Russia sino alle isole Solovki (che hanno opitato negli anni '20 il primo gulag sovietico) e, dalla parte di Paolo Vettori il viaggio nel Mar Nero, nella terra di Stalin, La Georgia (per fortuna non solo la terra di Stalin, ma luogo ricco di sorprese e di risorse).

Quest’ultimo è in procinto di pubblicare il libro sulle Georgia, dal titolo “Viaggio in Georgia tra memoria e futuro”, che uscirà entro settembre/ottobre.

Quindi una specie di pre-presentazione del libro, organizzata dal Comune di Poppi con interventi di Carla Lavore, Paolo Vettori e Cristiana Vettori.


Viaggio in Georga tra memoria e futuro

Approfittiamo dell'occasione per pubblicare la copertina del prossimo libro di Paolo Vettori di cui già ampiamente esposto sopra.

Una curiosità... per la copertina è stata scelta un'immagine della Chiesa della Santa Trinità, sotto il monte Kazbek, perchè questa chiesa (conosciuta coma la Chiesa della Santa Trinità di Gergeti) è ampiamente descritta nel libro, nella gita verso Kazbegi del 27 Aprile (è una chiesa raggiungibile attraverso una ripida stradina montana sterrata).

.

Dante Moscova - Presentazione a BresciaPresentazione dell'ultimo libro di Paolo Vettori, dal titolo "Dante sulle rive della Moscova", edito da Edizioni Helicon, presso la Libreria Ferrata in Corso Martiri della Libertà 39 a Brescia, venerdì 11 novembre 2016 alle ore 18.15.


L'incontro, dal titolo "Dante sulle rive della Moscova", Viaggio tra gli "ambasciatori della cultura italiana", vedrà l'intervento del giornalista di Bresciaoggi Piergiorgio Chiarini, che dialogherà con l'autore.

Introdurrà l'evento Angelo Piovanelli, presidente di L@P.

L'ingresso è libero e sarà presente l'autore.


Dante sulla Moscova RecensioneL’APPUNTAMENTO. Stasera a Brescia la presentazione del nuovo libro di Paolo Vettori «Dante sulle rive della Moscova».

Italiani ambasciatori di cultura nella nuova Russia di Putin.

«C’è un interesse crescente per la grande tradizione culturale italiana. Ho fatto parlare i nostri connazionali al lavoro in scuole e biblioteche».

paolo vettori moscovaDal mio diario di bordo spunti per aiutare a capire una realtà lontana come quella russa...

È un libro di viaggio nel senso più vero del termine. Nulla a che vedere con la guida turistica o con la riproposizione dei luoghi comuni ad uso del consumo culturale.

«Dante sulle rive della Moscova» è il titolo del nuovo libro (Edizioni Helicon) che Paolo Vettori, ex direttore dell’Ufficio provinciale del lavoro di Brescia, ha dedicato al suo viaggio nei territori dell’ex impero sovietico...

 

Dante Moscova ManifestoPresentazione del'ultimo libro di Paolo Vettori, dal titolo "Dante sulle rive della Moscova", edito da Edizioni Helicon, presso il Salone delle Feste del Castello di Poppi, in provincia di arezzo, mercoledì 3 agosto 2016 alle ore 18.00.


L'evento, dal titolo "Dante sulle rive della Moscova", I rapporti tra Italia e Russia in ambito CULTURALE e SCOLASTICO, vedrà l'intervento di Carla Lavore, docente di italiano presso la scuola Italo Calvino di Mosca, e di Paolo Vettori, scrittore e studioso dell'ex-Impero Sovietico.

Moderatrice dell'evento Cristiana Vettori.

Nel corso del dibattito verrà presnetato il volume "Dante sulle rive della Moscova", Edizioni Helicon, di Paolo Vettori.

Prime righe della presentazione del libro "Kaliningrad, Danzica e dintorni" a cura di Andrea Pellegrini
Era stata fondata a Roma, nel lontano 1889, la So¬cietà Dante Alighieri. Per volontà di Giosuè Carducci. E sarebbe stata sostenuta dai molti politici di allora e da tante personalità della cultura di quel tempo. Aspirazione sua precipua, la diffusione della lingua e della cultura italiana nel mondo, e pertanto il mantenimento dei fondamentali legami fra italiani-emigranti e la loro patria lontana. Era cominciata così quell’avventura utopica e coraggiosa. E disseminati per tutto il mondo esistono attualmente più di 400 comitati delegati: soci dei quali non sono solo degli italiani, ma soprattutto gli abitanti dei paesi ospiti, appassionati della cultura italiana.
Nel 1908, il Comitato della Società Dante Alighieri sarebbe stato istituito anche nella città di Mosca su iniziativa di un gruppo di imprenditori italiani che lavoravano là. Con la rivoluzione del 1917 tale istituto venne abrogato, tutto fu interrotto, insieme a ogni legame socioculturale con il resto dell’Europa. La ricostituzione sarebbe riuscita soltanto con la Glasnost, nel - 8 - Prefazione 1991. E a venticinque anni di distanza da allora, il Comitato possiede oggi una biblioteca fornita di migliaia di volumi in russo, francese, tedesco, inglese e soprattutto in italiano: libri posti a disposizione di chiunque sia interessato ad approfondire la conoscenza della cultura, della storia e del patrimonio artistico del nostro Paese. Una biblioteca davvero molto ricca di opere della letteratura italiana, da Dante al Manzoni, non senza diversi scaffali che salvaguardano testi più recenti, anche contemporanei. Si tratta di un istituto in questi tempi molto operoso, non soltanto nel coordinamento dei corsi di lingua, ma anche nell’allestimento di moltissimi progetti intesi a trasmettere in una terra così lontana la nostra cultura. Calendari fittissimi di appuntamenti eclettici e articolati gremiscono i programmi di incontri musicali, conferenze, presentazioni di libri, mostre di fotografia: un piccolo coltissimo hortus conclusus italicus, insomma, si trova fra le lontane e semisconosciute terre di Russia.
E l’autore di questo libro, viaggiatore ed estensore di piacevoli portolani kapuscinskinsiani, viaggiando proprio in quelle terre non si limita – come già altre volte, e come già in altri suoi preziosi resoconti – a fare il “turista”. Evita anzi accuratamente di scivolare in una qualunque delle più triviali abitudini dei turisti d’oggi. Non si allontana mai - 9 - Prefazione dall’Italia e da casa per banali curiosità né si attarda poi fra le località solo sacrificate al turismo nei modi più populistici e deprivanti - che ormai tutti conosciamo…