Dante Moscova - Presentazione a BresciaPresentazione dell'ultimo libro di Paolo Vettori, dal titolo "Dante sulle rive della Moscova", edito da Edizioni Helicon, presso la Libreria Ferrata in Corso Martiri della Libertà 39 a Brescia, venerdì 11 novembre 2016 alle ore 18.15.


L'incontro, dal titolo "Dante sulle rive della Moscova", Viaggio tra gli "ambasciatori della cultura italiana", vedrà l'intervento del giornalista di Bresciaoggi Piergiorgio Chiarini, che dialogherà con l'autore.

Introdurrà l'evento Angelo Piovanelli, presidente di L@P.

L'ingresso è libero e sarà presente l'autore.


Dante sulla Moscova RecensioneL’APPUNTAMENTO. Stasera a Brescia la presentazione del nuovo libro di Paolo Vettori «Dante sulle rive della Moscova».

Italiani ambasciatori di cultura nella nuova Russia di Putin.

«C’è un interesse crescente per la grande tradizione culturale italiana. Ho fatto parlare i nostri connazionali al lavoro in scuole e biblioteche».

paolo vettori moscovaDal mio diario di bordo spunti per aiutare a capire una realtà lontana come quella russa...

È un libro di viaggio nel senso più vero del termine. Nulla a che vedere con la guida turistica o con la riproposizione dei luoghi comuni ad uso del consumo culturale.

«Dante sulle rive della Moscova» è il titolo del nuovo libro (Edizioni Helicon) che Paolo Vettori, ex direttore dell’Ufficio provinciale del lavoro di Brescia, ha dedicato al suo viaggio nei territori dell’ex impero sovietico...

 

Dante Moscova ManifestoPresentazione del'ultimo libro di Paolo Vettori, dal titolo "Dante sulle rive della Moscova", edito da Edizioni Helicon, presso il Salone delle Feste del Castello di Poppi, in provincia di arezzo, mercoledì 3 agosto 2016 alle ore 18.00.


L'evento, dal titolo "Dante sulle rive della Moscova", I rapporti tra Italia e Russia in ambito CULTURALE e SCOLASTICO, vedrà l'intervento di Carla Lavore, docente di italiano presso la scuola Italo Calvino di Mosca, e di Paolo Vettori, scrittore e studioso dell'ex-Impero Sovietico.

Moderatrice dell'evento Cristiana Vettori.

Nel corso del dibattito verrà presnetato il volume "Dante sulle rive della Moscova", Edizioni Helicon, di Paolo Vettori.

Prime righe della presentazione del libro "Kaliningrad, Danzica e dintorni" a cura di Andrea Pellegrini
Era stata fondata a Roma, nel lontano 1889, la So¬cietà Dante Alighieri. Per volontà di Giosuè Carducci. E sarebbe stata sostenuta dai molti politici di allora e da tante personalità della cultura di quel tempo. Aspirazione sua precipua, la diffusione della lingua e della cultura italiana nel mondo, e pertanto il mantenimento dei fondamentali legami fra italiani-emigranti e la loro patria lontana. Era cominciata così quell’avventura utopica e coraggiosa. E disseminati per tutto il mondo esistono attualmente più di 400 comitati delegati: soci dei quali non sono solo degli italiani, ma soprattutto gli abitanti dei paesi ospiti, appassionati della cultura italiana.
Nel 1908, il Comitato della Società Dante Alighieri sarebbe stato istituito anche nella città di Mosca su iniziativa di un gruppo di imprenditori italiani che lavoravano là. Con la rivoluzione del 1917 tale istituto venne abrogato, tutto fu interrotto, insieme a ogni legame socioculturale con il resto dell’Europa. La ricostituzione sarebbe riuscita soltanto con la Glasnost, nel - 8 - Prefazione 1991. E a venticinque anni di distanza da allora, il Comitato possiede oggi una biblioteca fornita di migliaia di volumi in russo, francese, tedesco, inglese e soprattutto in italiano: libri posti a disposizione di chiunque sia interessato ad approfondire la conoscenza della cultura, della storia e del patrimonio artistico del nostro Paese. Una biblioteca davvero molto ricca di opere della letteratura italiana, da Dante al Manzoni, non senza diversi scaffali che salvaguardano testi più recenti, anche contemporanei. Si tratta di un istituto in questi tempi molto operoso, non soltanto nel coordinamento dei corsi di lingua, ma anche nell’allestimento di moltissimi progetti intesi a trasmettere in una terra così lontana la nostra cultura. Calendari fittissimi di appuntamenti eclettici e articolati gremiscono i programmi di incontri musicali, conferenze, presentazioni di libri, mostre di fotografia: un piccolo coltissimo hortus conclusus italicus, insomma, si trova fra le lontane e semisconosciute terre di Russia.
E l’autore di questo libro, viaggiatore ed estensore di piacevoli portolani kapuscinskinsiani, viaggiando proprio in quelle terre non si limita – come già altre volte, e come già in altri suoi preziosi resoconti – a fare il “turista”. Evita anzi accuratamente di scivolare in una qualunque delle più triviali abitudini dei turisti d’oggi. Non si allontana mai - 9 - Prefazione dall’Italia e da casa per banali curiosità né si attarda poi fra le località solo sacrificate al turismo nei modi più populistici e deprivanti - che ormai tutti conosciamo…

casentino 41 premio41° Premio Internazionale Casentino
Sezione Silvio Miano

Motivazione

CENTRO CULTURALE DI LETTERE ARTI ECONOMIA
Fonte Aretusa

41° Edizione del Premio Internazionale Casentino
Sezione Silvio Miano

PAOLO VETTORI
Premio Speciale della Giuria per la Narrativa inedita
(per Dante sulle rive della Moscova)

Nei viaggi condotti nell'ex impero sovietico, Vettori sa mettere in luce la vita quotidiana e le abitudini degli abitanti dei paesi che lo ospitano, proponendosi di ritessere quella rete di relazioni su cui possa fondarsi una nuova convivenza, oltre le barriere cha la storia ha lasciato in eredità, per affermare una reale amicizia tra i popoli.

Per ulteriori informazioni visitare il sito www.premiocasentino.it

vettori kaliningrad piPresentazione degli ultimi libri di Paolo Vettori, dal titolo "Kaliningrad, Danzica e dintorni" e "Yerevan/Stepanakert", editi da Edizioni Helicon, presso il Caffè Le Stanze, in Via Cesare Battisti 25 a Poppi (AR), sabato 8 agosto 2015 alle ore 21.30.

Interverranno Cristiana Vettori e Giacomo Giovannetti.

Prime righe della presentazione del libro "Kaliningrad, Danzica e dintorni" a cura di Andrea Pellegrini
Il Racconto dei confini" di Paolo Vettori Ewa, Katia, Olga, Vera, Marja, sono i nomi delle occasionali compagne di viaggio di questa nuova avventura non turistica dello scrittore e saggista Paolo Vettori.
Guide che, come innumerevoli beatrici dantesche, si aggregano alle sue trasferte illustrando cibi e scenari fra le discese nei meandri più dimenticati della regione baltica di Kaliningrad. Si avventura Vettori per mondi non turistici, annotando ogni minima interazione e tenendo sempre i dettagli della Storia e le proprie peripezie arrotolate perfettamente insieme ai pensieri, e compone questo suo nuovo portolano in due parti distinte e fondamentali...

40° Premio Casentino40° Premio Internazionale Casentino
Sezione Silvio Miano

Motivazione

CENTRO CULTURALE DI LETTERE ARTI ECONOMIA
Font Aretusa

40° Edizione del Premio Internazionale Casentino
Sezione Silvio Miano

PAOLO VETTORI
2° Premio per la Saggistica inedita

Ewa, Katia, Olga, Vera, Marja, sono i nomi delle occasionali compagne di viaggio dì questa nuova avventura non turistica dello scrittore e saggista Paolo Vettori.
Guide che, come innumerevoli beatrici dantesche, si aggregano alle sue trasferte illustrando cibi e scenari fra le discese nei meandri più dimenticati della regione baltica di Kaliningrad.
Si avventura Vettori per mondi non turistici, annotando ogni minima interazione e tenendo sempre i dettagli della Storia e le proprie peripezie arrotolate perfettamente insieme ai pensieri.
Ma è forse l'affiorare dappertutto di parole esotiche che rende oltremodo affascinante la sua narrazione: sono, a spiccare quasi poeticamente dal testo, le chiese ortodosse e le scritte in cirillico, e più ancora i luoghi impronunciabili - nomi seducenti e dal carisma irresistibile -, come Kaliningrad o Baltysk, la Lenin Prospekt e la stazione balneare di Svetlogorsk, non meno di città per noi tutti calvinamente invisibili" come Gdynia, Szymbark, Wiezyca o il lago Ostrzicie.
Il libro "Kaliningrad, Danzica e dintorni" di Paolo Vettori si aggiudica il secondo premio della 40° edizione del Premio Casentino.

Per ulteriori informazioni visitare il sito www.premiocasentino.it