20191207 Fiorino D Oro37° Premio Firenze
Sezione D - Narrativa Edita

"Fiorino d'Oro" (ex-aequo)

PAOLO VETTORI
per il volume
Transiberiana 2018
Un viaggio tra mito e realtà
Edizioni Helicon - Poppi (AR) 2018

 

Motivazione

"Gran viaggiatore l'autore di questo libro. E in età di turismo, un viaggio vero, un viaggio faticato, laboriosoe riflessivo, nel tempo come nello spazio, è già un'opera importante e degna di un riconoscimento. Quando si aggiunge all'atto pratico e dinamico del viaggio, una scrittura di riporto limpida, lucida e sostanziosa, capace di descrizioni efficaci e talune davvero memorabili, allora il riconoscimento diventa premio letterario.

La giuria del Premio Firenze

 Per ulteriori informazioni visitare il sito www.centrofirenzeuropa.it

 

Considerazioni

Nei viaggi condotti nell'ex impero sovietico, Vettori sa mettere in luce la vita quotidiana e le abitudini degli abitanti dei paesi che lo ospitano, proponendosi di ritessere quella rete di relazioni su cui possa fondarsi una nuova convivenza, oltre le barriere che la storia ha lasciato in eredità, per affermare una reale amicizia tra i popoli.

 

Reportage fotografico

Video della premiazione

20191201 Vettori Paolo Enoteca Letteraria Roma

Invito all’incontro con Paolo Vettori, autore del libro “Pinerolo 1913 - Addio alla Belle Epoque”, edito da Edizioni Helicon, presso l'“Enoteca Letteraria Roma” di Via San Giovanni in Laterano 81 a Roma, domenica 1° dicembre 2019 alle ore 15.30.

Pinerolo 1913 - Addio alla Belle Epoque

(...) Il dettagliatissimo Paolo Vettori, come già nelle sue opere precedenti (tutte difficili da categorizzare - storiche, letterarie, sociologiche e poetiche come sono), è dotato di una memoria individuale ma anche indiretta che si dimostra inesauribile. L’autore inaugura ad ogni pagina dei ventagli veri e propri di voci, dei caleidoscopi viventi di particolari che custodiscono, ciascuno, una possibile altra storia: come tanti bivi e trivi, dissigillati e socchiusi continuamente dinanzi agli occhi del lettore, i nomi, i luoghi e gli incontri stessi si fondono in un profluvio ignaro di barriere e aperto in tutte le direzioni. Sembra un grande mare mosso da un vento leggero, quello che Vettori dipinge risalendo di volta in volta le onde che quel mare stesso produce. E come nel concerto per pianoforte e orchestra n. 3 di Sergej Rachmaninov, fra i violini e i violoncelli in burrasca, il pianoforte sembra risalire i marosi, e appare e scompare per riapparire più forte e più intatto, così, allo stesso modo, in mezzo alla miriade di storie che le une alle altre in queste poche pagine si accavallano, ecco che ci si trova a inseguire una giovane fascinosa russa di nome Ljuba. È lei, con la levità e con la complicità solo transitoria di certi grandi personaggi, il filo della storia. Mentre Guido è il protagonista.
Il nonno dell’autore.
Sono i suoi racconti di giovinezza, questo libro. Gli episodi che costui favoleggiava al nipote. In modo che di voce in voce, di vita in vita, di luogo in luogo, il mondo procede. (...)

Interverranno Silvia Frunzi e Cristiana Vettori.
L'ingresso è libero.

La location

Enoteca Letteraria RomaEnoteca Letteraria Roma è un luogo fatto di sogni.

“Dicono che con la cultura non si mangi, all’Enoteca Letteraria con la cultura si beve!”, scrive Tonino Puccica, gestore del locale.

  • Enoteca Letteraria è un posto da vivere costantemente, ad ogni evento e ogni volta che è possibile.
  • Enoteca Letteraria Roma è Casa, è alta eleganza poetica, è amore per la cultura e per l’arte.
  • Enoteca Letteraria è famiglia. È Amicizia profonda e grande affetto.
  • Enoteca Letteraria è la possibilità di toccare libri d’epoca e di artisti emergenti.
  • Enoteca Letteraria è la possibilità di vivere momenti di Teatro, Musica, e Cineforum nella gradevole struttura sullo Stradone di San Giovanni, al centro di Roma.

Enteca Letteraria Roma è sul web al link www.enolibreria.it 
Fisicamente, si trova al civico 81 di Via di San Giovanni in Laterano, a Roma.

post link »

2019 locandina pisa

Invito all’incontro con Paolo Vettori, autore del libro “Pinerolo 1913 - Addio alla Belle Epoque”, edito da Edizioni Helicon, presso il  “Pisa Book Festival” nel Palazzo dei Congressi - Sala Blu - a Pisa, giovedì 7 novembre 2019 alle ore 19.00.

Pinerolo 1913 - Addio alla Belle Epoque

(...) Il dettagliatissimo Paolo Vettori, come già nelle sue opere precedenti (tutte difficili da categorizzare - storiche, letterarie, sociologiche e poetiche come sono), è dotato di una memoria individuale ma anche indiretta che si dimostra inesauribile. L’autore inaugura ad ogni pagina dei ventagli veri e propri di voci, dei caleidoscopi viventi di particolari che custodiscono, ciascuno, una possibile altra storia: come tanti bivi e trivi, dissigillati e socchiusi continuamente dinanzi agli occhi del lettore, i nomi, i luoghi e gli incontri stessi si fondono in un profluvio ignaro di barriere e aperto in tutte le direzioni. Sembra un grande mare mosso da un vento leggero, quello che Vettori dipinge risalendo di volta in volta le onde che quel mare stesso produce. E come nel concerto per pianoforte e orchestra n. 3 di Sergej Rachmaninov, fra i violini e i violoncelli in burrasca, il pianoforte sembra risalire i marosi, e appare e scompare per riapparire più forte e più intatto, così, allo stesso modo, in mezzo alla miriade di storie che le une alle altre in queste poche pagine si accavallano, ecco che ci si trova a inseguire una giovane fascinosa russa di nome Ljuba. È lei, con la levità e con la complicità solo transitoria di certi grandi personaggi, il filo della storia. Mentre Guido è il protagonista.
Il nonno dell’autore.
Sono i suoi racconti di giovinezza, questo libro. Gli episodi che costui favoleggiava al nipote. In modo che di voce in voce, di vita in vita, di luogo in luogo, il mondo procede. (...)

Presenta Andrea Pellegrini che dialogherà con l'autore Paolo Vettori

L'ingresso è libero.

Inv Pinerolo 193 BS

Invito all’incontro con Paolo Vettori, autore libro “Pinerolo 1913 – Addio alla Belle Epoque”, edito da Edizioni Helicon, presso “39Vantini Oldstyle” in Via Rodolfo Vantini 39 a Brescia, giovedì 24 ottobre 2019 alle ore 18.15.

“Capitano a volte incontri con persone a noi assolutamente estranee, per le quali proviamo interesse fin dal primo sguardo, all’improvviso, in maniera inaspettata, prima che una sola parola venga pronunciata”. (Fëdor Dostoevskij, Delitto e castigo) Per Paolo Vettori gli incontri e i dialoghi sono, in tutte le sue opere, il senso stesso della vita e dal filone dei diari di viaggio ora ne narra calandosi in un romanzo storico. Lo fa dal cuore della Siberia alla Pinerolo di inizio Novecento in uno scenario ancora dominato dal mito della “Belle Epoque”.

Un doppio viaggio nelle città visibili di Vettori dove la terra georgiana parla sulle origini, sui cambiamenti e soprattutto sulle attuali percezioni dell’odierna umanità di questi luoghi.
Dialogherà con l’autore Angelo Piovanelli, presidente di Libertà @ Progresso.
L'ingresso è libero e sarà presente l'autore.

20190811 Vettori Paolo Libri D Estate

Domenica 11 agosto 2019 , alle ore 21.00, presso il Caffè Le Stanze, a Poppi (AR) in via Cesare Battisti 25, si terrà la presentazione degli ultimi due libri di Paolo Vettori nell'ambito della rassegna Lib(e)ri d'Estate.

Si tratta degli ultimi lavori del 2018 e del 2019, ovvero “Transiberiana 2018”, Un viaggio tra mito e realtà“Pinerolo 1913”. Addio alla Belle Epoque.

La presentazione dei due libri sarà a cura di Cristiana Vettori e vedrà la presenza dell'autore.

Le tematiche affrontate dalle due pubblicazioni sono differenti, sia per ambientazione storico-geografica che per contenuti, ma ciò che le accomuna è la modalità di approccio dell'autore al tema. Egli privilegia infatti il contatto diretto e personale con i compagni di viaggio o anche solo delle persone del luogo. Uno stile talvolta un po' ruvido, che pone tuttavia in primo piano la volontà di Paolo Vettori di conoscere ed approfondire argomenti e situazioni.

Di ciò risulta assolutamente significativa la prefazione al suo ultimo libro, il cui incipit recita testualmente “Capitano a volte incontri con persone a noi assolutamente estranee, per le quali proviamo interesse fin dal primo sguardo, all’improvviso, in maniera inaspettata, prima che una sola parola venga pronunciata”. (Fëdor Dostoevskij, Delitto e castigo).


Pinerolo 1913 - Addio alla "Belle Epoque"“Pinerolo 1913”. Addio alla Belle Epoque è l'undicesimo libro scritto da Paolo Vettori che, da tempo e con cadenza annuale, apporta il suo valido contributo per quella parte di "curiosi" che non si fermano alle apparenze.

Riprendendo la prefazione del libro, a cura di Andrea Pellegrini:: Un mondo sostanzialmente senza confini di spazio e di tempo serpeggia nel pensiero vettoriano di sottofondo. Un luogo dove gli uomini e le donne di provenienze diverse si incontrano, si incrociano, accavallano i propri destini e che, grazie ai loro scambi, si trasforma nell’unico vero spazio della formazione e dell’educazione: la regione del rispetto civile e della tolleranza. E i confini dello spazio e del tempo si assottigliano fino a cadere, proprio grazie all’incontro.Sono gli incontri il senso stesso della vita, per Paolo Vettori. E se questo libro si apre come un testo di storia, per certi dettagliati andamenti stilistici e di corredo, lo sguardo storiografico della memoria assume presto, pagina dopo pagina, i colori vivi della letteratura. Doris Lessing diceva che “la letteratura fa sempre un lavoro migliore della verità”. E secondo lo statunitense Tim O’Brien, “letteratura è arrivare alla verità quando la verità non è sufficiente per la verità”...